Deumidificazioni - Davinson

Vai ai contenuti

Menu principale:

Deumidificazioni

I muri umidi sono uno di quei problemi che assillano sopratutto le padrone di casa, nulla di più fastidioso di un muro macchiato e magari interessato da muffe,... insopportabile!
Da tempo la tecnologia edile è venuta in soccorso con sistemi efficaci.
Un muro umido assorbe  dal basso l'umidita per capillarità (sopratutto dall'intonaco). Il sistema definitivo e migliore è quello di chiudere questo flusso di umidità ponendo una barriera che, un tempo, era rappresentata da una guaine, una lastra di piombo o, addirittura, lastre di vetro, oggi non più possibile per le norme antisismiche che impediscono (giustamente) di scollegare le fondazioni dal fabbricato; si eseguono così le "barriere chimiche" o taglio chimico o barrage chimico... Altro sistema è quello di eliminare ciò che si manifesta, ovvero eliminare il danno, senza però eliminare la causa. A questa seconda categoria appartengono gli intonaci deumidificanti o macroporosi.

INTONACO DEUMIDIFICANTE TECTORIA DF (o intonaco macroporoso)
… è una vecchia diatriba, la domanda principe è: “ma funzionano gli intonaci macroporosi?” e la risposta è: Certamente si, se sono applicati nel ciclo e la metodologia corretta.
Vediamo come funzionano!
La fig. nr. 1 mostra la classica situazione di un muro umido, in un’ideale sezione potremmo vedere un “menisco” di acqua che ha le sue punte massime in corrispondenza degli intonaci. Infatti gli intonaci, che pescano direttamente dal basso e contengono calce (molto igroscopica), sono i maggiori portatori di umidità.
Nella Fig. nr. 2 è possibile notare come il livello di umidità si sia abbassato e, contemporaneamente, il menisco si è rovesciato.
Infatti l’intonaco macroporoso Tectoria DF possedendo una elevata porosità con la conseguente permeabilità al vapore acqueo, favorisce l’espulsione dell’umidità interna alla muratura.
Certamente l’intonaco è funzionale se usato con il pacchetto risanatore Kimia che va dal prodotto antisalino cui trattare la parete, all’intonaco di finitura che consentirà avere un aspetto del tutto simile agli intonaci tradizionale senza, per questo, compromettere la “traspiranza” che è caratteristica fondamentale di questo sistema.

Consigliamo comunque un approfondito sopraluogo per determinare le procedure del lavoro e ricordate che la Davinson fa sopraluoghi e preventivi gratuiti!

Fabbricato rurale intriso di umidità
stesso fabbricato risanato
trattamento antisale preventivo
LA BARRIERA CHIMICA KIMICOVER IN (funziona da 30 anni)
Il sistema Kimicover IN è il sistema definitivo e più corretto. Con la barriera chimica semplicemente chiudiamo il rubinetto e qualsiasi possibilità all’umidità di trovare una strada per risalire nella muratura.
Quello che un tempo di faceva con i più svariati materiali impermeabili, oggi si ottiene inserendo a pressione, fino a rifiuto, resina ad alta penetrazione (con basso angolo di bagnatura, ovvero più penetrante dell’acqua) per occupare gli spazi ove di posiziona l’umidità, cristallizza e crea la barriera. E’ ovvio che venendo a mancare il flusso dal basso, la muratura si asciuga. Nello schema a lato e ancora presente il Tectoria DF perché?
Un muratura in laterizio da cm. 40 può impiegare anche un anno per asciugare ed eliminare l’umidità interna che è rimasta anche dopo aver “chiuso il rubinetto”, pertanto, a meno che non si voglia rimanere senza intonaco per tutto il tempo di asciugatura, è consigliabile intonacare con il ciclo TECTORIA DF e restituire immediatamente l’uso dell’abitazione.

preventivi
e sopraluoghi
GRATUITI!
 
Copyright 2017. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu